Il mio parere su Il lato positivo - Silver Linings Playbook


Jennifer Lawrence ha vinto l'Oscar più di una settimana fa come miglior attrice protagonista e io sto ancora tentando di capire il perché; mi è sembrato uno spreco, una svista, un tragico caso di scambio della statuetta.

A questo punto penso che a suo tempo avrebbe dovuto vincerlo anche Renée Zellweger per Il diario di Bridget Jones, tanto per citarne una a caso di attrice bravina in una commedia carina!

Ma partiamo dal film, Il lato positivo (Silver Linings Playbook, di David O. Russell, 2012).
Si tratta di una commedia dai toni seri e dalla tematica delicata, la storia tragicomica di un uomo affetto da disturbo bipolare (Bradley Cooper), della sua ossessione per l'ex moglie fedifraga, del suo rapporto chiassoso e sghangherato con i genitori (Robert De NiroJacki Weaver), del suo incontro-scontro con una ragazza forse ancora più matta e sopra le righe di lui (Jennifer Lawrence).

E' grazioso, si fa guardare con piacere, miscela bene malinconia e ironia, malattia mentale e clowneria esistenziale, tristezza e leggerezza, e colpisce per il suo essere un film in qualche modo ibrido e non classificabile: non è una commedia, perché quando si ride lo si fa con gli occhi lucidi, non è un film drammatico perché quando ci si commuove lo si fa con un senso di buffo ottimismo.
Da questo punto di vista è un film di carattere, una piccola opera sofisticata sotto le mentite spoglie di una commediola all'americana.

Però, per quel che mi riguarda, non mi ha spiazzato, non mi ha colpita e affondata come ha fatto con molti spettatori, non mi ha fatto innamorare di sé e credo che me ne dimenticherò rapidamente (come faccio sempre con i film a rapida evaporazione di David O. Russel).

I due attori protagonisti sono bravi, non c'è che dire, si sono impegnati e hanno preso a cuore il loro ruolo difficile, ma siamo ben lontani dall'aura dorata dell'Oscar, quel sentore sacro, solenne e definitivo che avverti di fronte ad un'interpretazione straordinaria. Qui, ho avvertito solo simpatia, un po' di empatia e un discreto senso di benessere, di certo non un'esaltazione da film rivelazione, né una felicità confortante da film salvifico.
Ho visto una brava attrice, non un fenomeno, e ho visto situazioni, come quella della gara di ballo, che francamente sanno di già visto e di anni '90.

L'Academy quest'anno è inciampata sull'orlo argenteo delle nuvole, - come Jennifer Lawrence sull'orlo del suo abito - e l'ha reso dorato. E' stata troppo buona.
Jessica Chastain, Naomi Watts e la bambina col nome impronunciabile di Re della terra selvaggia sono state più intense secondo me.

E adesso, uomini (e donne) infatuati della Lawrence (che peraltro trovo sia di una bellezza un po' banale e volgarotta), suvvia, non fate gli aggressivi e cercate di cogliere il lato positivo di questo post!




Commenti

  1. Margherita, bottigliate doppie, per il film e per la Lawrence.

    Tra l'altro, passino la Chastain o la piccola Wallis, ma dai, Naomi Watts in The impossibile!?!? Teribbile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahahah ahiaaaa! Che dire, ho trovato più toccanti le espressioni strazianti della Watts che il culo e le tette della Lawrence ;)

      Elimina
  2. ho colto il lato positivo di questo post.

    se per caso senti puzza di bruciato, però, io non c'entro niente ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah lo so che per te Jennifer è intoccabile (anche se vorresti tanto toccarla!), ma io tutta questa formidabile bravura non l'ho vista. E ora dammi fuoco definitivamente ;)

      Elimina
  3. Il film mi è piaciuto anche se la regia di Russell non è sempre buona. Io credo che la Lawrence si sia meritata l'Oscar perché ha recitato molto molto bene, ma lo aveva già dimostrato in "Un gelido inverno". Su Jessica non mi pronuncio perché non ho ancora visto il film, ma la Watts non mi era piaciuta e la bambina sì brava, ma finisce lì. Renée Zellweger è una chiavica confronto a Jennifer. Spero solo che ora non si monti la testa.
    Ps: sono un uomo, la Lawrence è bella (magari fossero tutte banali come lei), ma preferisco di gran lunga la bellezza e l'eleganza di Anne Hathaway.
    Ho colto il lato positivo del post, te lo assicuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jessica è grandiosa, vedere per credere! L'Oscar era suo di diritto secondo me, ma la Lawrence con la sua bellezza esplosiva e la sua bravura (un po' meno esplosiva per quel che mi riguarda!) ha fatto perdere la testa a tutta Hollywood!
      Anne Hathaway è una mia icona personale, adoro il suo tipo di bellezza non scontata e ricercata e ti stimo tantissimo per averla citata :D

      Elimina
    2. Anne è l'amore della mia vita nonché mia attrice preferita. E ti stimo per il fatto che la consideri un'icona. Grazie:)

      Elimina
  4. come già sai cncordo margherita, praticamente su tutto (Lawrence compresa!)

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. buona visione (in ritardo!) Antonella ;)

      Elimina
  6. Non sono molto d'accordo. Ho avuto l'impressione che la malattia mentale sia stata scambiata per frenesia e idiozia e che i protagonisti e il loro complicato spessore siano un po' stati abbandonati a loro stessi. I dialoghi sono vuoti e gli unici aspetti della psicosi vengono affrontati in modo esplicito e superficiale (scenate, grida nel mezzo della notte, etc). Mi aspettavo molto di più da quelle 8 candidature agli Oscar.

    http://pizzaecimena.wordpress.com/2013/03/11/il-lato-positivo/

    RispondiElimina
  7. quindi in che senso non sei d'accordo? Perché io del film non ne ho mica parlato come fosse un capolavoro, anzi... :)

    RispondiElimina
  8. non sono d'accordo sul fatto che sia un film piacevole, io l'ho trovato quasi un po' fastidioso. per non farne un discorso di gusti (che comunque sarebbe lecito fare) ho scritto quello che non mi è andato giù.
    bel blog!

    RispondiElimina
  9. Secondo me tutto dipende molto dallo stato d'animo della persona che lo guarda: non l'ho trovato mai buffo e non sono riuscita ad individuare le spoglie della commediola, sarà perché sentivo vicina la tematica sottesa che rendeva tutto molto reale e poco cinematografico.
    Anche secondo me la performance della Lawrence, seppur ottima, non era da oscar; per quanto riguarda lei, a me piace molto perché è un che non fa la diva, con i piedi per terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stima per te e per il fatto che condividi la mia perplessità sull'Oscar alla Lawrence ;)
      Lei invece a me non piace affatto, è quel tipo di bellezza troppo contemporanea ed esplosiva che non va d'accordo con i miei canoni estetici un po' retrò e bon ton!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

2 libri (+ 1 serie tv) per le vacanze estive

WOODY ALLENamento: 2. Il dittatore dello stato libero di Bananas

I Love Books: 145. Il racconto dell'ancella

People I Hate: 2. Barbara D'urso

Il mio parere su Don Jon

I Love Books: 141. Una vita come tante