Il mio parere su Anna Karenina


Sono rimasta incantata da questo film perché la sua messa in scena è qualcosa di geniale: Joe Wright e Sir Tom Stoppard, in tutta la loro sofisticata inglesità, hanno pensato bene di posizionare gli attori dentro scenografie di tipo teatrale, cartonati mobili, sipari che si aprono e chiudono, palchi da opera che cambiano a ritmo di musica e al suono di rotaie nel raccordo tra una scena e l'altra, e il risultato è di grandissimo effetto.
La finzione viene smascherata apertamente, ma proprio per questo il romanzesco viene celebrato all'ennesima potenza, viene sublimato.
Non è un semplice film l'Anna Karenina di Joe Wright, ma una girandola, un teatrino di marionette orchestrato in modo delizioso, avvolgente, elegante, perfino buffo.

Non mi sono sentita la solita spettatrice seduta in poltrona vedendo il film, ma una dama presa per mano e invitata a volteggiare, a danzare, a girare intorno, davanti, dietro i personaggi, sentendomi parte dello spettacolo, un'invitata d'eccezione.

Ho trovato questa scelta davvero insolita e geniale: mi aspettavo, e dentro di me volevo, il classico filmone di stampo tradizionale, quello con le didascalie di date e luoghi, l'innevata Russia zarista, e un andamento di tipo solennemente letterario, e invece mi sono ritrovata letteralmente a teatro. All'immedesimazione qui si sostituisce la compartecipazione, il coinvolgimento dinamico nella costruzione scenica e simbolica, ed è un'esperienza che vi consiglio vivamente di fare.

Il romanzo di Tolstoj è qualcosa di sontuoso e ricco, leggerlo è stato impegnativo e totalizzante e avevo un po' paura del dileggio che si poteva fare al cinema, nel 2012, di tale titano delle letteratura russa. E invece a fine film ho tirato un respiro di sollievo perché il film di Wright, sebbene rispettosissimo dell'opera e pienamente tragico, non è una trasposizione vera e propria, ma un gioco prospettico stiloso ed elegantissimo.
Se temete si tratti di un'operazione estetica senza cuore vi sbagliate, perché il sentimento è vivo ed emozionante e la scelta stilistica non toglie nulla al dramma autentico del romanzo.

E concludo dicendo una cosa che non mi aspettavo di poter dire: non so se è merito di Joe Wright visto che anche in Espiazione mi era piaciuta, ma Keira Knightley è una buona e credibile Anna Karenina, non perfetta, ma molto più Karenina che kanina!


Commenti

  1. Spero di vederlo presto! Ho amato Keira Knightley e Joe Wright sia in Espiazione che in Orgoglio e pregiudizio, per cui è irrinunciabile per me la visione di questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è molto particolare, bellissimo...fammi sapere cosa te ne pare dopo averlo visto ;)

      Elimina
  2. Ho visto la pubblicità al cine, ed in effetti è molto coinvogente, e tu ha reso bene l'idea. Grazi.

    RispondiElimina
  3. anche per me una messa in scena davvero fenomenale!
    grande joe wright

    RispondiElimina
  4. messa in scena davvero fenomenale ma che alla fine maschera un vuoto di fondo. Purtroppo non si può avere tutto XD
    Keira immensa, comunque U.U la mia kanina non si tocca :)

    RispondiElimina
  5. Keira immensa è la prima volta che lo sento dire ahahahahahah ;D

    RispondiElimina
  6. Io temevo invece la solita rappresentazione canonica della Russia imperiale che avrebbe reso davvero scialbo e banale il capolavoro di Tolstoj e invece mi sono trovata difronte ad un capolavoro tutto nuovo! Domani la mia recensione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I Love Books: 143. Moby Dick

Serie tv Netflix: 4. Anne with an E

I Love Books: 71. Sonata a Kreutzer

Il mio parere su Another Earth

WOODY ALLENamento: 3. Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso (ma non avete mai osato chiedere)

I Love Books: 26. Il Circolo Pickwick