Diciamo grazie e lodiamo H&M!

In questi giorni di saldi e prezzi stracciati che creano follia e perversa euforia, che danno vita a code chilometriche, risse da bar, aria irrespirabile, vertigini e crisi di panico dentro e fuori gli ambiti camerini, che rendono la gente rabbiosa e agguerrita e i negozi dei forni roventi pieni di matti da legare, voglio spendere due parole su una sorta di entità santa e benedetta per noi giovani donne amanti della moda ma povere in canna, una catena di negozi-paradiso dove perdersi e aggirarsi in estasi, dove i prezzi sono bassi tutto l'anno e per sempre, due lettere, mille cose da scegliere: sto parlando di H&M!

Tiendas H&M Londresphoto © 2007 Alquiler de Coches | more info (via: Wylio)


Non c'è un modo semplice e adeguato per esprimere l'indescrivibile scossa di piacere e il brivido edonistico che si prova entrando in uno di questi grandi empori low-cost sparsi per il mondo; è una cosa speciale, uno stato di grazia, un'iniezione di benessere e di belle cose a portata di mano e a portata di tutti, è la democrazia della moda, è la faccia giusta e buona della globalizzazione, è il piacere disponibile per tutti di vestirsi e abbigliarsi come più ci va e senza sensi di colpa monetari, è la libertà di comprare tanto a poco, di trovare un vestito super figo a 19,90 euro o un'irresistibile borsetta a 5,90 euro, scarpe trendy e nemmeno troppo scomode a prezzi comodi, anellazzi, bracciali tintinnanti, ciondoli e collane di perle finte, bigiotteria talmente bella da vedere che vorresti ingoiarla, cerchietti con megafiocchi, fermacapelli magnificamente pacchiani, magliette a pois e leggings di ogni colore e fantasia, gonnelline, cappottini, giacchette, jeans e chi più ne ha più ne metta (letteralmente!).
Non ho parole per esprimere la mia gratitudine verso gli svedesi che hanno avuto questa idea geniale e filantropica donando al mondo i loro magici negozi e tutta la valanga di bellissime cose a buon mercato da cui farsi travolgere e coccolare. Entrare in un qualsiasi H&M anche senza un'idea precisa, solo per passeggiarvi dentro e osservare i nuovi arrivi o le vecchie glorie dona - per lo meno a me ma credo di non essere l'unica - un senso di gioia infantile e di allegria assoluta, come se mi ritrovassi ad avere all'improvviso pochi anni e fossi in un posto meraviglioso per me come un negozio di Barbie o alle giostre, euforica e impaziente di vedere, di toccare, di comprare...Anche solo un piccolo acquisto come un bracciale o uno smalto, fatto con gli spiccioli trovati in tasca è una gioia, un piccolo regalo per se stessi, una coccola e una carezza per il proprio ego materialistico colpito e spaventato dalla crisi economica.
Basta davvero poco per sentirsi bene e per vestirsi bene (per lo meno se amate lo stile tipico e inconfondibile del negozio!), per essere carine e per creare la propria idea di moda e il proprio stile personale senza dover essere per forza belle e ricche...H&M è la rivincita della ragazza precaria e sottopagata, è la valvola di sfogo di ogni giovane donna che non segue i marchi e le tendenze ma che inventa il suo stile anche se non può permettersi di fare shopping e ha in tasca meno di 10 euro!
Grazie H&M! Auguro lunga vita e mi inchino in adorazione davanti a chi ti ha creato!


H&M de Schipholphoto © 2008 Eduardo | more info (via: Wylio)

Commenti

  1. hai davvero ragione.

    personalmente poi i loro jeans mi stanno bene come pochi altri.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Serie tv Netflix: 4. Anne with an E

I Love Books: 71. Sonata a Kreutzer

Buona vigilia!

I Love Books: 26. Il Circolo Pickwick

I Love Books: 40. Diari (di Sylvia Plath)

I Love Books: 60. L'idiota