Serie tv mon amour: 13. Pan Am


Questa serie mi piace e non mi piace, mi fa oscillare tra l'idea che sia una bel prodotto di qualità e l'idea che sia una robetta superficiale senza infamia e senza lode.

Pregi: l'impeccabile estetica vintage, la rappresentazione filologicamente perfetta degli anni '60, lo stile vagamente "Mad Men" dal quale tuttavia si allontana saggiamente senza provare a imitarlo (cosa che ha tentato di fare The Playboy Club con esiti disastrosi!).
Tutto, dalle musiche ai costumi ai tagli di capelli è reso con millimetrica cura e precisione, tutto è un belvedere in Pan Am, non c'è una sola nota stonata nel suo aspetto e questa cura aggrada non poco chi la guarda. E poi ci sono le hostess, donne belle, raffinate e intelligenti, vere protagoniste della serie, a metà tra tradizione e trasgressione pre-femminista.
C'è Maggie (la "tascabile" Christina Ricci-occhi enormi), la più ribelle e fiera di tutte, c'è la francese Colette (Karine Vanasse), la mia preferita, di cui adoro la frangetta e il carattere, ci sono le due sorelle Kate (Kelli Garner) e Laura (Margot Robbie).
Tutta la serie ruota intorno all'universo multisfaccettato di queste donne in uniforme blu che rappresentano un primo significativo embrione di femminismo e di liberazione dei costumi, e per questo Pan Am mi piace molto.

Difetti: l'attitudine da romanzo rosa, il suo flirtare spesso e volentieri con la soap opera, la mancanza di tensione soprattutto in alcune puntate che rimangono come sospese senza arrivare mai da nessuna parte, ad un punto forte, il poco spessore e la poca profondità come si trattasse solo di una bella confezione vuota, e poi boh...

Oscillo come gli aerei della Pan Am tra alta e bassa quota, a volte decollo e mi entusiasmo, altre atterro e mi sento delusa!

Maggie
Kate e Laura
Colette, la mia preferita!
Ancora Colette, puro charme francese!

Commenti

  1. decisamente d'accordo, oscillo anch'io

    e la karine vanasse anche una volta scesa da quest'aereo secondo me è destinata a fare grandi cose!

    RispondiElimina
  2. lo spero Marco, perché è molto brava e particolare come attrice, mi piacerebbe rivederla ancora e magari senza l'uniforme della Pan Am!E poi voglio il suo taglio di capelli :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I Love Books: 145. Il racconto dell'ancella

I Love Books: 144. Mia figlia, don Chisciotte

I Love Books: 71. Sonata a Kreutzer

I Love Books: 49. La porta

Il mio parere su Gigolò per caso

Serie tv Netflix: 3. Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi