L'arte di (non) cavarsela


A dispetto del titolo, L'arte di cavarsela (The Art of Getting By, di Gavin Wiesen, 2011) non se la cava bene e non ha nè arte nè parte.

Ha di certo una bella confezione, trasuda Sundance style e indiependenza ad ogni fotogramma, ha un attore protagonista, Freddie Highmore (il piccolino di Neverland, La fabbrica di cioccolato, ormai diventato ventenne), bravo ed espressivo, ma ha una trama povera e banale, una piattezza emotiva sconcertante e la capacità di trasporto di una lumaca.

Non dico che non si riesce a vedere, perché si può vedere fino in fondo senza troppa agonia, ma lo si vede senza passione, senza un solo accenno di mutamento di ritmo o emozione, come fosse un'ora e venti di nulla.

C'è questo ragazzino, George, giunto all'ultimo anno di liceo e alle soglie del college, apatico, solitario e totalmente disinteressato alla scuola, e c'è una ragazzina molto carina, Sally (Emma Roberts, la pooooco raccomandata figlia di Eric e nipote di Julia), con cui ha un rapporto di amicizia/amore. Fine della storia.

Con l'aria da mini-intellettuale di sinistra nichilista e il suo cappotto da artistoide, il ragazzo poteva riservare sorprese, ma non c'è nessuna avventura, nessuna situazione brillante, nessuna definizione profonda del suo personaggio, giusto qualche accenno al suo senso critico ma senza quel coraggio ribelle del giovane Holden al quale il film pare sia ispirato (!).
Non c'è nemmeno New York, o meglio c'è ma non ne emerge la poesia, il suo incanto letterario e romantico.

Eccezion fatta per una bella colonna sonora che spazia da Leonard Cohen a sonorità orecchiabili meno conosciute, e per la faccia simpatica di Freddie Highmore (il tipico ragazzo inconsapevole del suo fascino di cui da adolescente mi sarei innamorata!), L'arte di cavarsela è un film inutile e inutilmente essenziale.

A furia di togliere e di fare l'alternativo, il giovane regista newyorkese, qui alla sua opera prima, si è scordato di fare un vero film.


Commenti

  1. bella critica..e complimenti per il blog..da oggi ti seguo anch'io..se ti va di seguirmi questo è il mio blog www.zebracrosser.com ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie alice, ti verrò a trovare e ti seguirò anch'io :)
      Ciao!

      Elimina
  2. No non mi ci ritrovo...a me è piaciuto un sacco...

    RispondiElimina
  3. Finito di vedere proprio da qualche ora.. l'avevo scaricato una marea di tempo fa, ed è rimasto lì per mesi (se non anni).. stasera ci ho provato, ma alla fine mi son chiesta: 'e quindi?'. Non mi ha lasciato nulla di che, ero partita pensando potesse essere qualcosa di davvero diverso, ma nulla di ciò è accaduto. Peccato, sarebbe bastato davvero poco per renderlo davvero interessante..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I Love Books: 143. Moby Dick

Serie tv Netflix: 4. Anne with an E

I Love Books: 71. Sonata a Kreutzer

Il mio parere su Another Earth

WOODY ALLENamento: 3. Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso (ma non avete mai osato chiedere)

I Love Books: 26. Il Circolo Pickwick