Il mio parere su Carnage


Il mio parere su Carnage - visto ieri sera dopo averlo aspettato come si aspetta un grande evento prezioso - è euforico, entusiastico, esprime la piena soddisfazione ricevuta dalla visione in rapporto alle aspettative e la gioia semplice e galvanizzante che si prova subito dopo aver visto un gran bel film.
Le prove attoriali sono sbalorditive, le mimiche e le espressioni prodigiose, i dialoghi serrati e acidi sono da antologia cinematografica, la regia di Polanski "invisibile" ma di gran classe: non manca davvero nulla a questo essenziale, irriverente, maleducato film d'autore.
Due coppie di coniugi che non si erano mai visti prima - Kate Winslet e Cristoph Waltz, Jodie Foster e John C. Reilly- si incontrano in appartamento per discutere civilmente sul litigio avvenuto tra i rispettivi figli undicenni, durante il quale uno dei due ha ferito e fatto saltare gli incisivi all'altro. Tutto parte nel migliore dei modi e con le migliori intenzioni, le cortesie e le buone creanze si sprecano, si offrono torte fatte in case e si parla del più e del meno secondo una conveniente etichetta sociale, poi qualcosa nei toni cambia finchè l'improvviso e rivoltante conato di vomito di una delle due signore sugli amati libri d'arte dell'altra innesca un nervosismo e un'isteria crescente che - complice qualche drink di troppo- sconfineranno nel più divertente e patetico parossismo.
Da questo momento si mettono giù le maschere borghesi e ci si butta a capofitto in una carneficina verbale e gestuale senza esclusione di colpi, in cui ci si azzanna ora con un elemento dell'altra coppia ora con il proprio coniuge, fino a perdere ogni dignità e forma umana.
Assistere a questa rissa da appartamento è uno spasso, è lo spettacolo dell'ipocrisia sputtanata dalla più bastarda sincerità, è un teatrino ridicolo e spietato in cui ci si massacra in modo liberatorio e sboccato, e in cui ci si può identificare autoironicamente.
Kate Winslet è stupenda, prima così ordinata e conciliante, poi così stronza e dispettosa e sfatta, con il suo vomito verbale e, soprattutto, "materiale". La stoffa da premio Oscar si vede tutta come sempre.
Jodie Foster, altra donna-premio Oscar, è altrettanto brava e perfetta nelle sue performance isteriche, nel suo spirito no-global e umanitario, con i suoi diritti umani e valori ideali, che diventano patetici e risibili di fronte al putiferio che si è scatenato dentro l'appartamento per una sciocchezza.
John C. Reilly (l'unico attore non premio Oscar tra i tre ma altrettanto grandioso) prima pacioccone-simpaticone-compagnone, si rivela un grande "testa di cazzo" soprattutto con la moglie, provocandola e indispettendola sempre di più, divertendosi ad esasperarla.
Ma la vera forza del film, l'eroe, il mito assoluto è Cristoph Waltz, il più cinico e coerente fin dall'inizio, quello che fin da subito dimostra menefreghismo verso l'accaduto, sfacciataggine sconcertante. Sempre col telefono in mano pronto a squillare, con le sue telefonate di lavoro e il modo gradasso e sfacciato di affrontarle, col suo atteggiamento di sottile derisione e di finto-educata provocazione, il suo personaggio diventa un portento, l'autenticità fatta persona, la mancanza di riguardi e maschere borghesi in carne ed ossa, una persona meravigliosamente cinica. Lui stesso dirà: “Io credo nel dio del massacro, il dio che governa indiscusso dalla notte dei tempi”. E come dargli torto assistendo ad un'ora e venti di agguerrito massacro da salotto?
Film memorabile, davvero.


Commenti

  1. Non vedo l'ora di vederlo.
    Uno dei film più attesi del periodo.

    RispondiElimina
  2. penso proprio che lo apprezzerai Mr.Ford :)

    RispondiElimina
  3. Un'autentica Lezione di cinema. E anche di umiltà da parte di un grande regista che, considerato il grande cast che aveva a disposizione, si è saggiamente limitato a 'lasciar fare' i quattro attori, uno più bravo dell'altro.
    Assolutamente straordinario.

    RispondiElimina
  4. hai ragione, Polanski si è messo da parte e ha lasciato che fossero i 4 attori a "dirigere" il film!E il risultato, come dici tu, è assolutamente straordinario!

    RispondiElimina
  5. eh si, promette molto bene (e mantiene la promessa!) e ispira tanto! Buona visione :)

    RispondiElimina
  6. Hi, I came across your site and wasn’t able to get an email address to contact you. Would you please consider adding a link to my website on your page. Please email me back and we'll talk about it.

    Thanks!

    Madison
    maddie0147@gmail.com

    RispondiElimina
  7. Hai visto Carnage... e ti è pure piaciuto! Io lo adoro.
    Non è un film di facile comprensione, non è una storia da "apprezzamento di massa", ma io l'ho trovato molto affascinante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io, molto teatrale e sottile e anche molto affascinante :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Quello che Girls ha significato per me

I Love Books: 141. Una vita come tante

Ho aperto un sito 💗 (e volevo dirlo anche qui)

La Donna della Domenica: 4. Natalie Portman

I Love Books: 138. Hygge - La via danese alla felicità

Serie tv Netflix: 2. The OA