Le amiche della sposa show!


Ooooh, finalmente un film demenziale e volgaruccio tutto al femminile!
Che soddisfazione vedere donne dire oscenità, emettere flatulenze, ridursi uno straccio, litigare in modo balordo, contendersi un'amica.
Perché questo genere di film trash deve avere sempre come protagonisti uomini che se la spassano mentre le donne stanno a casa ad aspettarli mansuete e stupidine?
Le amiche della sposa (Bridesmaids, di Paul Feig, 2011) è la risposta ad un genere che mancava, l'invito ad un matrimonio a cui non avevo mai partecipato!

Un po' Sex and the City, un po' American Pie, un po' Una notte da leoni, questo film è una novità perché promette la classica vicenda di matrimonio e preparazione al matrimonio, di quelle su cui si sono basate mille commediole dal titolo sempre uguale, e invece vira verso qualcosa di scurrile ed esilarante, di scomposto e ribelle al canone glamour dello sposalizio cinematografico americano.
A parte qualche momento poco brillante e di stasi, il film scorre per due ore piacevoli cariche di estrogeni e isteria pura.

La "perla" del film è la sequenza che si svolge all'interno di un negozio di abiti da sposa ultrachic, quando gli stomaci delle ragazze brontolano minacciosamente per poi esplodere in tutti i modi possibili.
L'immagine di Lillian/Maya Rudolph accovacciata per strada nel suo abito bianco, arresa al suo intestino, è epica, una nuova icona del cinema di umorismo legato alle deiezioni e ad altre manifestazioni fisiologiche!
Il fatto che questa situazione imbarazzante tipicamente maschile sia associata ad un gruppo di giovani donne in abiti eleganti, rende la cosa assolutamente spassosa e anticonformista, schifosamente divertente.

Inoltre, il fatto che la vera protagonista del film non sia la sposa, ma le amiche di lei (una più stramba dell'altra!), e in particolare una, la disastrosa Annie (Kristen Wiig), dà a questo film una verve originale e sui generis, una prospettiva diversa finalizzata più a divertire che a celebrare il romanticismo delle nozze.
Nozze che nel finale sono pacchiane e ridicole nella loro megalomania ma assolutamente fiche. Proprio come il film!


Melissa McCarthy, enorme e strepitosa!

Commenti

  1. Il tuo blog è fantastico! Passa da me, c'è un premio per te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Marie B., sono passata e ti ri-ringrazio, troppo gentile :D

      Elimina
  2. Ahahaha come parola di sicurezza è uscito "comeno" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti divertirai, è stupido come film ma mi ha fatto tanto ridere ;)
      ahahahah che brutta parola! Ma sai che non sapevo che riechedesse la parola di sicurezza pure nel mio blog?! è un'opzione che si è aggiunta da sola o forse blogger lo inserisce in automatico...boh, ste cose non le capisco tanto, ma non fa nulla ;)

      Elimina
    2. Anche io ho scoperto di averle sul mio blog, ma non è voluto e non capisco nemmeno come si fa a toglierle! :)

      Elimina
    3. la descrizione incuriosisce per quanto possa scaturire risate e riflessioni a cui non mi ci ero dedicata! :) grazieee

      Elimina
  3. ciao!
    l'ho visto qualche tempo fa, mi è piaciuto molto ma pensavo molto meglio! non so, forse è colpa di tutta la pubblicità che hanno riservato a questo film.
    molto carino il blog, sto cercando molti dei film che hai recensito.

    RispondiElimina
  4. non l'ho ancora visto questo film, tutti dicono faccia molto ridere perciò appena riesco me lo guardo! a presto

    RispondiElimina
  5. Hahahaha esta é uma boa indicação!!!
    Buona domenica a te.

    RispondiElimina
  6. Ciao, ho appena scoperto il tuo blog, mi piace un sacco! Ho visto proprio ieri questo film e mi è piaciuto tantissimo! Mi sono sbellicata dalle risate! Comunque la più forte è la sorella dello sposo, mitica!!! ahahah bello bello bello!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I Love Books: 150. Indignazione

Il mio parere su Blade Runner 2049

I Love Books: 147. Il mulino sulla Floss

Serie tv Netflix: Stranger Things 2

2 libri (+ 1 serie tv) per le vacanze estive

I Love Books: 145. Il racconto dell'ancella