Di aNobii e della mia Moleskine


Qualche giorno fa, giusto per aggiungere un altro social network alla mia vita invernale pressochè asocial, mi sono iscritta ad aNobii.
"Un'amante non occasionale dei libri e devota come me non può non averlo", mi sono detta.
Detto, fatto! Dopo pochi minuti ero lì a smanettare estasiata dentro un favoloso mondo di condivisione del sapere.

La sensazione che ho avuto, una volta scemato l'entusiasmo ipercinetico da iniziazione, è stata però di grande confusione, di eccesso di stimoli e di difficoltà nello scegliere tra tante opzioni, tra mille sollecitazioni di tasti, diciture, etichette ecc.
Non sono molto intuitiva riguardo ai social network (a tutt'oggi non so usare Twitter, o meglio, non capisco perché lo dovrei usare, ma questa è un'altra storia...) ma pensavo che un social network riguardante i libri fosse semplice, classico e immediato come l'atto stesso della lettura, come una polverosa e accogliente biblioteca comunale di una volta...
E invece no, aNobii è un labirinto 2.0 di cose da fare che fanno perdere così tanto tempo che quasi non rimane più tempo per leggere!

Mi sono interrogata sull'utilità di questo mega contenitore virtuale di libri e recensioni e mi sono detta "Ok, metto i libri in bella mostra nello scaffale, ne recensisco qualcuno, e poi? Non lo faccio già nel mio blog?", percependo un vago senso di ripetizione e di copia-incolla rispetto a quello che scrivo sui libri in questo mio spazio personale e sulla mia preziosa Moleskine Book Journal (che adoro!).
Insomma, tanto fascino e valore simbolico, tanto ben di dio di libri e di parole sui libri, ma anche tanta virtualità di stancante gestione e di dubbia utilità. Queste le mie impressioni a caldo su aNobii.

E voi cosa ne pensate? Mi rivolgo ai lettori incalliti, a quelli vecchio stampo che non sanno di cosa sto parlando e a quelli più modaioli che usano aNobii, nella speranza di ricevere qualche dritta e consiglio a riguardo! (E lì mi dico, "Ecco, non sarebbe più bello semplicemente scambiarsi dritte e consigli sui libri?". Sono demodè, lo so...).

La mia Moleskine Book Journal

Commenti

  1. Non è male Anobii una volta che ti abitui, forse all'inizio era più semplice, come facebook o myspace o altri, poi si vede che chi ci lavora dietro si annoia e ogni tanto propone "migliorie" inutili che complicano solo la vita...Comunque io guardo soprattutto le varie recensioni di un libro che mi interessa leggere per farmi un'idea in più, il più delle volte è utile! Il fascino della Moleskine comunque, resta imbattibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehehehhe mi sa che hai ragione sulle migliorie inutili! Anche io penso che lo userò più che altro per leggere recensioni di libri che mi interessano anche se questo tipo di cosa la faccio sempre sul sito di ibs!
      La Moleskine ha un fascino superiore ;)

      Elimina
  2. Sono sempre stato curioso di iscrivermi ad Anobii, ma i social network non sono proprio il mio forte.
    Chissà, forse un giorno.
    Per ora preferisco la Moleskine, soprattutto quando viaggio.
    Bella mano, tra l'altro! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai bene Ford, il piacere di scrivere su carta e su una Moleskine in particolare non te lo dà nessun social network!
      Grazie per il complimento alla mano ahahahah ;)

      Elimina
  3. A me piace e lo uso tanto per leggere recensioni e se decidere o meno di leggere un libro.
    Ora ti aggiungo come vicina! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiii aggiungimi Rossana, fallo tu perché io non ho ancora ben capito come si fa ;)

      Elimina
  4. mia sorella mi ha regalato quella Moleskine per il compleanno e non l'ho ancora usata perchè mi spiace... è troppo professional per rovinarla...
    io uso Anobii già da un po', di solito lo uso per capire se un libro può piacermi o meno a seconda delle recensioni... ma vado anche a scrutare pure le librerie dei recensori perchè sennò non mi fido, proprio perchè è confusionario e tanta gente scrive un commentino che non vuol dir niente tanto per...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggivendola ti consiglio di usarla la Moleskine Book Journal, è magica! Io mi diverto troppo a segnare i libri che leggo, ad annotare le citazioni, le mie impressioni, ad attaccare gli adesivini che trovi all'interno e mi piace l'idea che un giorno potrò ricordarmi di tutti i libri che mi hanno accompagnato nella vita sfogliando questo diarietto nero :D

      Elimina
  5. Su Anobii mi sono iscritta mesi fa e devo dire che mi sono trovata subito a mio agio. Mi piace proprio un sacco vedere la mia libreria con tutte le copertine che ho amato, anche quelle di secoli fa. E riempiendola mi sono trovata a riprendere in mano libri dimenticati, ho riletto pagine, provato di nuovo emozioni già vissute...insomma Anobii per me è stato ottimo. Ma sono gusti!
    Anche io adoro la Moleskine, ogni sera riporto lì su la mia vita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Melinda mi sono iscritta anch'io nella speranza di provare le tue stesse sensazioni e di crearmi una sorta di libreria "dei ricordi" ma finora continuo a preferire la mia Moleskine Book Journal. Però non voglio arrendermi, voglio prendere confidenza con questo social network :D

      Elimina
  6. Mi sono iscritta su Anobii e ho perso interesse dopo un giorno per gli stessi problemi che dici tu. Decisamente preferisco il vecchio mondo di carta:-)!
    Bella la Moleskine book Journal, sai che non la conoscevo? devo proprio rimediare!
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ohhh allora non sono la sola ad aver provato confusione e smarrimento di fronte ad anobii! La Moleskine Book Journal te la consiglio, per me ha un valore magico, la tengo sempre in borsa! Ti permette di ricordare in ogni momento i libri che hai letto, di leggerne le citazioni che hai annotato...Provala!

      Elimina
  7. anche io sono iscritta ad Anobii, e posso capire la tua confusione. una volta presa la giusta confidenza però si è rivelato utilissimo. adesso seguo altri lettori con gusti simili ai miei, e da cui traggo molti spunti e consigli di lettura, ed effettuo molti scambi. sono queste le cose che mi piacciono più di Anobii :-) ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! Spero di arrivare anch'io al tuo grado di confidenza con aNobii e agli scambi di consigli e spunti di cui parli, che poi è il motivo che rende aNobii affascinante e potenzialmente utile ai miei occhi di lettrice! Grazie del parere :)

      Elimina
  8. Anch'io uso anobii soprattutto per scrivere le mie recensioni dei (pochi, purtroppo) libri che leggo e per leggere i commenti degli altri utenti su questo o quel titolo. Lo uso, insomma, quasi esclusivamente come database: come community, sono d'accordo con te, è un po' farraginoso...

    RispondiElimina
  9. A me piace aNobii, non scrivo le recensioni ma segno le date in cui leggo i libri, dove li ho comprati, ecc. Mi piace vederli tutti lì nello scaffale...
    Questo post è un po' datato, magari avrai completamente cambiato idea da allora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta :D
      Da allora diciamo che uso Anobii come fai tu, per segnare le date di inizio e fine lettura, spuntare le stelline di gradimento e esporre i libri sullo scaffale; la parte social l'ho tralasciata del tutto!
      Non recensisco quasi mai nemmeno io, di solito preferisco farlo sul blog!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio parere su Blade Runner 2049

Il mio parere su Moonlight

I Love Books: 146. La pietra di luna

I Love Books: 147. Il mulino sulla Floss

Serie tv Netflix: 4. Anne with an E

2 libri (+ 1 serie tv) per le vacanze estive