Il mio parere su Killer Joe


Di William Friedkin ho visto solo L'esorcista e mi è bastato a ricordare il suo nome e la sua carica registica perturbante e orrorifica per sempre. Forse dovrei recuperarmi Vivere e morire a Los Angeles, idea che non mi sarebbe mai venuta se ieri sera non avessi visto Killer Joe (di William Friedkin, 2011) e se non mi fosse piaciuto oltre ogni aspettativa.

Film strambo, pazzerello e tragicomico, che non sai mai da che verso prendere, se ridendo o spaventandoti, ed è proprio questa sua natura ibrida e beffarda quello che mi è piaciuto di più. E' come se fosse un film di genere, noir nella fattispecie, ma contaminato di paradossi e scelte grottesche, di puro divertimento registico, di stile e licenze personalissime.
C'è il classico sicario carismatico dei film noir che uccide per soldi, la richiesta di una lauta ricompensa, le complicazioni del caso e poi ci sono soggetti assurdi e sopra le righe, dallo scavezzacollo fallito Chris (Emile Hirsch) all'angelicata e loliteggiante sorella di lui Dottie (Juno Temple), dal padre sghangherato e un po' deficiente (Thomas Haden Church) alla moglie-matrigna volgare e mignottesca (Gina Gershon). Nessuna raffinatezza, zero classe, un gruppo di famiglia in un interno sfasciato e malsano, reso benissimo da un cast perfetto.

Ma è Matthew McConaughey nel ruolo di Joe la vera rivelazione per me, la sorpresa assoluta, un belloccio biondastro da commedia romantica blockbuster che non ho mai degnato di rispetto e che qui mi è diventato un'icona pulp, un genio dell'espressività lucidamente folle, un credibile pazzo scatenato ed elegante, quasi di culto.

Tarantiniano ma senza l'eccesso splatter, la tipica centralità della colonna sonora e i dialoghi da antologia, Killer Joe (tratto dal testo teatrale omonimo di Tracy Letts) è un film originale e spietato, un film che solo un veterano come Friedkin poteva dirigere senza renderlo un b-movie.

La scena della fellatio con la coscia di pollo fritto è di un kitsch assurdo, è uno strazio e uno spasso al tempo stesso, e poi il finale è esplosivo, grandioso, stilosissimo. Wow!






Commenti

  1. Già un supercult, e mio film dell'anno a mani basse.
    Recupera assolutamente Vivere e morire a Los Angeles, è una meraviglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivere e morire a Los Angeles non l'ho visto (devo rimediare!) ma sono d'accordo con te per quel che riguarda questo film: è già un supercult :D

      Elimina
  2. non lo conosco ma mi hai incuriosito!

    RispondiElimina
  3. film di una bellezza assoluta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio parere su Blade Runner 2049

Il mio parere su Moonlight

I Love Books: 146. La pietra di luna

Serie tv Netflix: 4. Anne with an E

2 libri (+ 1 serie tv) per le vacanze estive

I Love Books: 147. Il mulino sulla Floss