Voglio trasferirmi dalle donne del 6°piano!


Parigi-1960, un binomio immediatamente attraente per me, un invito evocativo e fascinoso alla visione.
Se alla magia della città e dell'epoca si aggiunge poi un tocco di brio spagnoleggiante e la presenza di figure femminili pazzesche, ne viene fuori qualcosa di veramente delizioso.  
Le donne del sesto piano (di Philippe Le Guay, 2011) è per l'appunto un film delizioso, come una tazza di tè caldo e biscotti, come una proiezione da cinema all'aperto d'estate; è un mix perfetto di eleganza parigina e di vivacità spagnola, di borghese e di folkloristico, di etichetta e di liberazione, senza trascurare l'aspetto storico ma senza mai appesantirlo.

In realtà di Parigi si vede ben poco poichè quasi tutto il film è girato dentro un signorile palazzo dove vive il ricco consulente finanziario Jean-Louis Jobert (Fabrice Luchini) con la classica legnosa consorte. La vita spenta e conformista di questo simpatico borghese viene "accesa" e animata da un gruppo molto variopinto e chiassoso di domestiche spagnole che vivono tutte insieme al misero sesto piano, in particolare da Maria (Natalia Verbeke).

Questo microcosmo di donne è uno spettacolo, è kitsch, è invadente, è sgallettante, ma è anche compagnone, affettuoso, altruista. E' bellissimo, si rimane incantati a guadarle, sentirle parlare velocemente, a vederne tutta l'imponente dignità femminile ergersi fiera e appassionata.
Le donne francesi, così algide e patinate, diventano stupidi manichini di fronte al vitalismo, alla passione e alla forza travolgente di queste donne iberiche dai capelli neri e dai connotati quasi almodovariani (nel cast ci sono anche Carmen Maura e Lola Duenas, non a caso!)
Persino il perfido macigno del franchismo viene aggirato (ma non dimenticato) da queste donne-coraggio con la semplice gioia di vivere che le caratterizza.

L'incontro tra un francese ingessato in una Francia libera e questa combriccola di donne libere provenienti da un paese sottomesso non può che far riflettere ma anche divertire.

Un film davvero piacevole, con quel tocco vivacizzante di colore e di "caliente" che manca spesso alle commedie francesi.

Commenti

  1. Condivido pienamente! Film meraviglioso

    RispondiElimina
  2. Troppo carino! me lo guardo di sicuro! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona visione allora! Questo film potrebbe ispirarti la preparazione di una buona paella ;)

      Elimina
  3. Vero, deliziosa commedia francese che tratteggia anche due popoli ...ci si sente al caldo in quel sesto piano....

    Ciao Margherita, mi sono aggiunto ai tuoi lettori fissi, ho anche io un blog di cinema, passa a trovarmi e aggiungiti ai miei ....

    Dino Romans
    http://dino-freezone.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Dino, grazie di esserti aggiunto, seguo il tuo blog di già :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I Love Books: 146. La pietra di luna

Il mio parere su Flight

2 libri (+ 1 serie tv) per le vacanze estive

La Donna della Domenica: 4. Natalie Portman

I Love Books: 71. Sonata a Kreutzer

I Love Books: 145. Il racconto dell'ancella