Serie tv mon amour : 3. Mad Men


Amo immensamente Don Draper! Attenzione, non John Hamm, l'attore che ne interpreta il ruolo, ma proprio Don, l'immaginario, televisivo, inventato, mai esistito straordinario personaggio di questa stupenda ed epica serie tv.
Cos'è Mad Men e cosa provochi in chi lo guarda non lo so esprimere bene a parole, è una di quelle serie che vanno viste e amate o odiate all'istante, che vanno respirate, inglobate, divorate con gli occhi per essere capite.
Posso dire quello che ci vedo dentro e che adoro in modo quasi feticistico...
Uno studio di pubblicitari in pieno centro a New York, bicchieri tintinnanti di whisky ambrato e ghiaccio a qualsiasi ora del giorno, sigarette fumanti accese e aspirate con voluttà, capelli impomatati ed eleganti completi per gli uomini, chiome vaporose e abitini con fiocchi, pois, bottoni e vezzi di ogni tipo per le donne, curve esagerate o vitini di vespa, labbra e smalto rossi, borsette e guanti bon ton. Eleganza, classe, movenze e gesti affascinanti d'altri tempi; mariti fedifraghi, finte santarelle, amori naufragati, passioni repentine. Riferimenti storici e sociali, mitologie degli anni Sessanta, l'upper class, il boom economico, il materialismo, la televisione e la pubblicità, tutto ciò si trova concentrato in modo brillante in questa serie pluripremiata e indimenticabile per ogni telespettatore di buon gusto.
E poi c'è lui il sexy, tenebroso, donnaiolo, tormentato, discreto, forte pubblicitario protagonista, Don Draper appunto. Un personaggio che ti entra dentro e ti rimane in testa come una possente statua di marmo, una figura complessa, ingombrante, caratterizzata in modo impeccabile, come mai era forse stato rappresentato un carattere maschile in tv, un tipo psicologico frutto di una determinata epoca, portatore di mode, paure e perdizioni tipiche di un periodo storico ben preciso eppure simile ad ognuno di noi, ad ogni spettatore che lo guarda rapito e conturbato, ora affascinato ora infastidito ma sempre in totale empatia.
Sono arrivata alla 4 stagione e non mi stanco mai, mai, mai...
Consiglio vivamente a quei pochi che non l'avessero ancora fatto di provare a vederla subito e di vivere quest'elegante e complessa esperienza televisiva col rischio di non poterne più fare a meno!

Don Draper, puro fascino, grande mistero...
La bellissima e giunonica Joan
Peggy Olson, prima segretaria poi creativa

Pete Campbell, l'account executive
Il mitico Roger Sterling

La bellissima e capricciosa Betty
Il vecchio veterano della pubblicità, Bert Cooper

La squadra al (quasi) completo

Commenti

  1. Io ho finito da poco la seconda, ma certo si tratta di uno dei prodotti meglio confezionati e scritti dell'intero panorama delle serie tv.
    Ricostruzione perfetta, ed un protagonista incredibile.
    Bellissima serie davvero!

    RispondiElimina
  2. totalmente d'accordo, serie di una grandiosità immensa.
    e, come direbbe un ragazzino di 12 anni: w don draper!

    RispondiElimina
  3. eccellente serie TV,incredibilmente ben fatta, rasenta la perfezione tecnica (esteticamente parlando). E si, anche io amo Don Draper! Ho inziato a divorarla a Natale poi ho dovuto interromperla, la riprenderò al più presto.

    RispondiElimina
  4. Non è solo la ricostruzione. Mad Men ha un altissimo livello anche nei dialoghi e nella complessità dei personaggi. E non ha paura del politically uncorrect. Smaschera le ipocrisie di ieri, dimostrando che la moda cambia, ma i vizi no.

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con tutti voi!
    Con Mad Men la televisione seriale ha definitivamente superato in qualità il cinema attuale (che poi non ci voleva nemmeno tanto!!!)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio parere su Ted

WOODY ALLENamento: 2. Il dittatore dello stato libero di Bananas

I Love Books: 146. La pietra di luna

People I Hate: 2. Barbara D'urso

I Love Books: 71. Sonata a Kreutzer

Serie tv Netflix: 2. The OA