Sull'eliminazione dei Frères Chaos

Ok, ho aspettato fino ad oggi per rispetto verso chi guarda X Factor 6 su Cielo la domenica sera, e finalmente adesso posso dirlo: i Frères Chaos sono fuoriiiiiii.

E con ciò non intendo tanto dire che sono usciti dal programma, ma che sono usciti da ogni forma di educazione, decoro e decenza, scivolando rovinosamente verso il terreno del ridicolo e del bambinesco.

Io me lo sentivo che il ragazzo-cherubino era convinto di essere dio e che il duo era in realtà un trio in cui il terzo componente era il suo massiccio ego, ma che si arrivasse a tanto non me l'aspettavo. E' stato un momento di televisione ridicola e divertente come non se ne vedeva da tempo.
Perfino quella bambolina simil-Natalie Portman di sua sorella, che sembrava tanto dolce e lolita, si è trasformata in una poco elegante tipa da rissa. Vederla così accanita contro Elio, con quelle movenze nervose e scomposte da pulce è stata una delusione, la perdita di ogni forma di stile, lo charme silenzioso che diventa rutto isterico.

Mi dispiace constatare che il problema di questi giovanissimi gruppi aspiranti all'indietudine sofisticata sia sempre lo stesso: sentirsi songwriters fighissimi e sopra la media, atteggiarsi alla Baudelaire e pensare di essere visionari come William Blake, parlare usando frasi pseudointellettualistiche ed espressioni ermetico-filosofiche (nel caso dei Frères Chaos l'accento marchigiano rendeva l'effetto a tratti grottesco), avere sguardi persi e intensi, indossare giubbini fiorati e jeans a sigaretta, sentirsi francesi o inglesi, e, sopra ogni cosa, percepirsi come i migliori e pretendere che ciò venga riconosciuto. Volare basso e frequentare il mondo dell'umiltà non è contemplato in questo tipo di "arte".

E sti cazzi, ma anche che peccato in fondo.
Ero curiosa di ascoltare il loro inedito, sarebbe stato sicuramente qualcosa di originale e libero dallo schema pop italiano sole-cuore-amore, mi aspettavo un pezzo sperimentale, di quelli poetici e sussurrati, ma se penso alla reazione di lui dopo essere stato eliminato, lo spintone ad Arisa, tutto quel gesticolare e ammiccare minaccioso, quella trovata dispettosa sulla vocal coach della squadra di Simona Ventura che manco all'asilo, quella faccia vanitosa da sbruffone, allora sono contenta che siano andati fuori.

Ok, sò ragazzi, pare abbiano chiesto scusa, ma come direbbe qualcuno "izz tu leit tu apologiais"...

momenti televisivi di un caos molto poco fraterno...





Commenti

  1. (Lo spintone ad Arisa me lo sono perso!)
    Massì, ammè infondo piacevano così! ;-P
    A parte gli scherzi, a parte che non siete Iggy Pop e che non ve lo potete permettere di atteggiarvi così...però, devo dire che la cosa che più mi ha infastidito della puntata è stata la lagna continua di Elio per la "defunta" Nice...basta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì, Elio è stato un po' ripetitivo con la storia di Nice, ma è anche vero che una brava e intensa come lei è fuori mentre il caldaista teenageriale(non ricordo il nome) è ancora dentro!!

      Elimina
  2. Grande goduria.
    I due fratellini li avrei presi a bottigliate dai tempi dei provini! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahha, ci avevi visto giusto ;)

      Elimina
  3. Perfettamente d'accordo con te, in tutto e per tutto. E lo dico con grande rammarico, perché nonostante le scene di inimitabile bassezza che ci hanno regalato alla loro eliminazione, a me piacevano molto. Costruito o meno, quel qualcosa d'interessante ce l'avevano - e se l'avevano costruito, non da meno il merito di esserci riusciti. S'intuiva che non fossero particolarmente modesti, ma quando cantavano c'era qualcosa che mi trascinava altrove, in un mondo strano. La mia opinione andava a braccetto con i commenti che Morgan faceva alle loro esibizioni. Un esempio è l'ultima prova che hanno fatto, quella a cappella. Hanno cantato sì e no due frasi, eppure... Perciò mi dispiace per loro che in questo modo si sono dati la zappa sui piedi, ma mi dispiace altrettanto che siano fuori, specie dal momento che "isst tu leit tu apologiaiss" è ancora dentro perché di lui, davvero, se ne può fare a meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, avevano stile da vendere quando cantavano e ti trascinavano in una dimensione eterea, di delicata bellezza...Peccato si siano rivelati due cafoncelli molto terra terra!
      izz tu leit deve andar via, odio lui e tutto ciò che rappresenta musicalmente, arrrghhhhh

      Elimina
    2. SEI DAVVERO CONTADINA.

      Elimina
  4. Finalmente ce li siamo levati dalle scatole.Sentirli ansimare sulle note di Somebody that I used to know è stato qualcosa di agghiacciante. Ma loro, a quanto pare sono fighissimi e non hanno nulla da dimostrare...siamo noi a non essere pronti.

    RispondiElimina
  5. Ciao Margherita!
    A me è dispiaciuto molto che siano usciti, insieme a Chiara erano i miei preferiti... effettivamente, però, quella sceneggiata è stata veramente patetica, degna dei peggiori reality! Verranno ricordati solo per questo purtroppo!

    RispondiElimina
  6. l'aspettavo questo post :D
    mi trovo in accordo con te.
    ho sentito il singolo uscito pochi giorni fà (titolo: coltiva l'inverno)e sono rimasta stupita!Mi aspettavo qualcosa di molto diverso...non sono ancora riuscita a capire se mi piace o no xD

    RispondiElimina
  7. si, la loro reazione finale è stata spropositata, nella vita si deve soprattutto saper perdere, e loro non ne sono capaci .buona giornata

    RispondiElimina
  8. Loro stanno lavorando ad un album con Morgan e un altro signore. Gli altri?
    TU BLOGGER DA 4 SOLDI FAI PARTE DEI PERBENISTI DI MERDA CHE DI ARTE NON CAPISCONO UN EMERITO CAZZO, CAPRE!
    ASCOLTATEVI LE POPPATE MELODICHE, CAPRE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu che ami i Frères Chaos invece hai capito tutto dell'arte e delle musica. Non fa una piega il tuo ragionamento.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

I Love Books: 150. Indignazione

Serie tv Netflix: Stranger Things 2

I Love Books: 147. Il mulino sulla Floss

Il mio parere su Blade Runner 2049

2 libri (+ 1 serie tv) per le vacanze estive

I Love Books: 145. Il racconto dell'ancella