Il mio parere su The Impossible


Ho visto The Impossibile ieri sera e prima di andare a letto ho sentito il bisogno di vedere una puntata di How I Met Your Mother per allievare la tristezza e cercare di fare sogni che non fossero a base di annegamento, ferite e catastrofe.

Perché The Impossible è una drammone da occhi lucidi che punta dritto alla parte emotiva e sensibile dello spettatore, giocando molto, per non dire sguazzando abbondantemente, su alcuni aspetti di facile impatto lacrimoso.
Musiche sempre solenni e tragiche, un quadretto familiare mulinobianchesco, frasi di repertorio drammatico in cui gli  "I love you so much" si sprecano, scene madri di respiro ampio e solenne, abbracci e lacrime a profusione, tanto tanto pathos a buon mercato.

Il risultato a me è sembrato molto vicino ad uno di quei film della serie catastrofica-alta tensione in salsa melò che Italia 1 trasmette d'estate, o ad uno di quei film falliti di Shyamalan, insomma ad un film mediocre e melenso.
Da un regista come J. A. Bayona mi aspettavo qualcosa di meno classico, una prospettiva sulla tragedia meno emozionale e più estrema: il suo The Orphanage è uno dei film più inquietanti e geniali del filone horror che io ricordi.
In The Impossible qualche elemento di disturbo quasi orrorifico c'è, come la scena in cui la donna sul letto accanto a quello di Maria tossice e vomita pezzi di piante e altre cose simili, seguita a ruota dalla stessa Maria che tira fuori dalla sua bocca una sorta di liana.
Quella è stata una scena forte per me e mi ha colpito più allo stomaco che ai condotti lacrimali.
Per il resto, classicismo drammatico a iosa.

Naomi Watts, che io amo moltissimo, mi è piaciuta abbastanza perchè è credibile, perché ha girato il film praticamente quasi sempre in posizione orizzontale riuscendo a far sentire il dolore fisico della sua condizione. Forse potrebbe pure portarsi a casa l'Oscar (forse).
Ewan McGregor, altro attore prezioso per me, mi è sembrato anonimo, non ha dato alcun contributo personale al film; al suo posto poteva esserci un attore qualunque e la differenza non si sarebbe sentita.
Notevoli i tre bambini, in particolare il maggiore (Tom Holland); girare un film così non sarà stato facile per loro eppure sono sinceri e tenerissimi nelle reazioni.

La mia conclusione su The Impossible è che credo sia impossibile fare un buon film su una tragedia vera e di portata inimmaginabile come lo tsunami del 2004, credo sia qualcosa di irrapresentabile. Se non l'hai vissuta, se non c'eri dentro, puoi solo pensare per stereotipi.
Anche raccogliendo testimonianze e storie vere, come quella della famiglia protagonista, quello che si porta sullo schermo è solo un'idea, un modo come un altro per far piangere lo spettatore.
Ed è questa impossibilità che si fa melodramma il grande problema di The Impossible.



Commenti

  1. impossible non darti ragione.
    a parte su shyamalan. non toccatemi shyamalan :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. daiiii, Shyamalan ha fatto un film buono su 6.000 ahahahah ;)

      Elimina
  2. Infatti: Shyamalan a casa mia lo adoriamo. DA Sign a Lady in the water passando per the village. Più sono stati flop più noi li apprezziamo.
    Per quanto riguarda questo film...ho pianto vedendo il trailer. Lo eviterò sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se hai pianto solo con il trailer allora te lo sconsiglio vivamente :)

      Elimina
  3. Sono proprio ben fatte le tue recensioni! :) the impossible volevo andarlo a vedere, ma poi consapevole che sarebbe stato eccessivamente strappalacrime ho lasciato perdere! Passa da me se ti va, potremmo seguirci a vicenda :)

    RispondiElimina
  4. non so se mi può piacere. c'è però in me una dose di masochismo e sentimentalismo che potrebbe sguazzarci! dipende dal mood. Su Shyamalan concordo con te, ha fatto film stupendi e altri, diciamolo, per nulla riusciti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se deciderai di vederlo fammi sapere che mood ti lascia addosso ;)

      Elimina
  5. Parto dal presupposto che questo genere di film non mi entusiasma molto.
    Mi è piaciuta la tua critica cinematografica, ma amo il cinema e per questo non riuscirei a spendere 8 euro per questo genere di film!
    Grazie delle tue belle parole sul nostro blog, mi hanno colpita molto! Grazie!:)

    RispondiElimina
  6. Hello dear!
    i did not know your blog, it's great!
    you have a new follower, follow me back?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio parere su Flight

I Love Books: 146. La pietra di luna

2 libri (+ 1 serie tv) per le vacanze estive

People I Hate: 2. Barbara D'urso

La Donna della Domenica: 4. Natalie Portman

WOODY ALLENamento: 2. Il dittatore dello stato libero di Bananas