Crazy, Stupid, Love (ovvero Ryan Gosling non esiste)


Ryan Gosling non esiste, è un ologramma, un cartonato, un'illusione ottica, non può avere quel corpo.
Ryan Gosling è bono, scusate la franchezza teenageriale. E l'ho scoperto per la prima volta vedendo questo film, pur avendolo già visto recitare in altri film in cui l'ho giudicato di volta in volta un pesce lesso biondo, un tipo monoespressivo, una faccia banale e poco incisiva.

Ma azzeriamo la carica ormonale e veniamo al film. Crazy, Stupid, Love (di Glenn Ficarra e John Requa, 2011) è un film furbo, scaltro e commerciale, un format di commedia romantica contemporanea già visto (mi ha fatto pensare a Love Actually e a film corali di questo tipo con la parola "love" nel titolo), ma è anche molto molto carino e attraente, di quei film che sanno bene come prendere lo spettatore di tutte le età e lusingarlo con situazioni sentimentali stuzzicanti, dialoghi brillanti, scenette isteriche e qualche lacrimuccia emotiva di tipo più femminile.

In quasi due ore di pura spensieratezza, i registi montano, smontano e ricostruiscono l'amore, non l'Amore tragico e solenne, ma quello pazzo e stupido, quello scanzonato e sopra le righe, e sebbene i momenti di composta malinconia non manchino, si tratta sempre di piccoli intermezzi nella leggerezza complessiva e vincente del film.

La presenza centrale e azzeccata di Steve Carell dà un tocco lievemente demenziale e nerd al film e regala momenti di intrattenimento simpaticissimo.

Per quel che riguarda Julianne Moore io l'adorerei anche se facesse un cinepanettone, perché ha una classe, un misto di dolcezza e sex appeal, un'eleganza che anche in una commedia di questo tipo non manca di trasmettere.

La stella nascente Emma Stone a me non piace particolarmente, ha una faccia strana e poco raffinata, ma per questi ruoli facili da ragazza graziosa a e tosta al tempo stesso non è male e infatti in questo film se la cava bene.

Epica Marisa Tomei nel ruolo dell'insegnante un po' porca e mattacchiona; il suo cameo è da antologia comica.

Su Ryan Gosling ribadisco quello che ho scritto in apertura; in netta e impopolare controtendenza a me non fa impazzire come attore, ma almeno ho scoperto che è un eccellente figo.

E' davvero un svago questo Crazy, Stupid, Love, un passatempo brioso e piacevolissimo che mi sento di consigliare più alle donne che agli uomini, ma che può piacere senza alcuna forma di imbarazzo anche al più disamorato degli uomini.



Commenti

  1. Secondo me una delle commedie di genere meglio riuscite degli ultimi anni.
    Protagonisti azzeccati, ottimo script, giusta dose di ironia e divertimento.

    RispondiElimina
  2. Ho adorato questo film! Come hai detto tu, Marisa Tomei è fortissima e dovrebbe veramente lavorare di più a Holliwood.
    Ryan Gosling confermo: brutto di faccia può andare di corpo... perchè come dice la simpatica Emma Stone sembra disegnato con Photoshop ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, lo dico pure io, la Tomei è ingiustamete sottovalutata!
      E Gosling è un photoshop ambulante ;)

      Elimina
  3. Ryan Gosling è anche molto bravo, oltre che bono ;-) Prova a vederlo in 'Lars e una ragazza tutta sua', 'Drive' e ne 'Le idi di marzo' di Clooney... il ragazzo ci sa fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahahah ;)
      So che tu lo apprezzi tanto Sauro; io molto meno, non sopporto la sua mimica e la sua faccia, vai un po' a capire perché...(ma mi rendo anche conto di essere l'unica a pensarla così!)

      Elimina
  4. E' un film molto piacevole, sebbene non ami il genere :)

    RispondiElimina
  5. Mi è piaciuto tantissimo anche a me! Ryan è super figo, Emma Stone mi piace sempre sempre e come osservi giustamente la macchietta è la Tomei. Comunque veramente ottimo cast, sceneggiatura divertente ed intelligente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e siamo d'accordo anche su questo compagna di domande insopportabili e insistenti ;D
      Un bacio!

      Elimina
  6. Pur non essendo un'amante delle commedie, questa mi è piaciuta moltissimo perché è un giusto mix di tutto ciò che questo genere dovrebbe contenere (registi italiani, imparate, suvvia!).

    RispondiElimina
  7. hai ragione Siboney! Perché noi non riusciamo a fare commedie così carine e godibili? :(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio parere su Ted

WOODY ALLENamento: 2. Il dittatore dello stato libero di Bananas

I Love Books: 146. La pietra di luna

People I Hate: 2. Barbara D'urso

I Love Books: 71. Sonata a Kreutzer

Serie tv Netflix: 2. The OA