Serie tv mon amour: 12. The Walking Dead


All'inizio tanta noia e scetticismo, la scelta di vederlo solo per accontentare il mio ragazzo, patito di letture zombesche, a cui spesso ho fatto sorbire serie molto poco maschili.
Sbadigliavo sul divano e ogni tanto dicevo un "Bleah!" nemmeno troppo convinto alla vista di tutte quelle interiora e quei corpi squartati. Mi dicevo e gli dicevo "Non è proprio il mio genere, proprio per niente" e mi atteggiavo a cultrice raffinata di serie tv di ben altro stile. Stupida, non sapevo quel che dicevo!
Sono bastate poche puntate a farmi ringalluzzire e a crearmi, passo dopo passo, zombie dopo zombie, una forma di dipendenza seria e accanita che con la seconda stagione ha raggiunto livelli di fanatismo puro (di quelli che ti ritrovi a parlare con lo schermo e a dare consigli o fare rimproveri agli ignari protagonisti!).
The Walking Dead è una serie che carbura lentamente, che si scalda piano piano; se si ha la pazienza di superare un inizio un po' moscio che non si sa dove vuole andare a parare, e di aspettare che passi la parte di mera presentazione, fatta di molte sequenze silenziose interrotte qua e là solo da mostruosi morti ambulanti, si arriva al cuore di una serie davvero avvincente, intrigante e, a sorpresa, intelligente.
Lentamente qualcosa prende forma, nascono storie ricche di mordente, si scoprono segreti, si creano retroscena fighissimi, si comincia ad amare e odiare determinati personaggi e poi alla fine, come dicevo, a interagire con lo schermo in un eccesso di empatia.
La 1^ stagione per me è stata degna di interesse solo verso le puntate finali, quando la parte zombesca ha lasciato spazio alla parte umana e alle dinamiche di gruppo, ma la 2^ stagione ancora in corso è mozzafiato, è un treno partito a tutta velocità che non ha intenzione di fermarsi.
E la cosa bella è che gli zombie da me tanto odiati, con il loro aspetto orrendo e ridicolo da film di serie b, la loro estetica trash che non rientra nelle mie corde, alla fine non sono poi così protagonisti in questa serie, dove i veri morti che camminano, i veri mostri (di cattiveria o di coraggio), le vere minacce sono gli esseri umani.
Odio i film in stile "28 giorni dopo", gli scenari apocalittici, le minacce chimiche o aliene o mostruose all'umanità, odio gli splatter e i pezzi di carne insanguinati e volanti, odio le teste sminchiate degli zombie da cui si intravedono ossa e denti in putrefazione, odio il rumore viscido e gelatinoso delle asce che spaccano quelle teste, ma, con mio grande stupore, amo The Walking Dead!

Commenti

  1. Serie FANTASTICA! La sto letteralmente divorando!
    Riuscitissimi i personaggi, riuscitissima la storia!

    RispondiElimina
  2. il tuo post sembra scritto da mia moglie...
    adesso è lei a ricordarmi il lunedì sera che abbiamo un appuntamento fisso.
    E' una serie spettacolare, la più bella dai tempi di twin peaks!
    sul mio blog c'ho fatto questa presa in giro, se hai voglia e tempo dacci un'occhiata :)
    http://www.stefanolacara.com/2011/11/riding-dead-uno-zombie-potrebbe-andare.html

    RispondiElimina
  3. A me succede una cosa strana con questa serie:
    mi piace, mi intrattiene, mi spaventa anche, però non riesco a empatizzare con quasi nessuno dei personaggi.
    L'unico a starmi simpatico è Daryl.
    La bionda, poi, è insopportabile, spero venga sbranata presto!

    RispondiElimina
  4. Già, serie da divorare davvero!

    Stefano, capisco perfettamente tua moglie e la sua passione inaspettata per questa serie! E' fatta talmente bene che piace pure a noi ragazze :) Vado a leggere il tuo post!

    Jay, Daryl è un mito pure per me, sembra un bastardo ma è il più altruista del gruppo. Anche Glenn mi sta simpatico. Sono stra-d'accordo con te: anche io spero che quella smorfiosa della bionda venga sbranata quanto prima ahahahah!

    RispondiElimina
  5. ciao Margherita... passo sempre a salutarti piena di curiosità per i tuoi post, ma questo lo sento in modo particolare... io ho adorato tutti i minuti della prima stagione... per la seconda forse avevo aspettative troppo alte. dopo il primo episodio si era un po' dilungata su singole situazioni... poi adesso sta migliorando (infatti, è salito della top 10 delle serie tv che seguo) con Shane, cattivo, assassino più degli zombie ed egoista... e poi la storiella fra il cinese e la ragazza e il fienile pieno di zombie movimentano molto la situazione

    RispondiElimina
  6. Ciao Pupottina e grazie di far spesso visita al mio blog :)
    La 2^ stagione è arrivata ad un punto davvero intrigante e sono troppo curiosa di vedere cosa si cela dietro la storia del fienile pieno di zombie...
    Anche io metto questa serie nella top 10 del 2011!

    RispondiElimina
  7. Non me ne perdo una puntata, ed è anche l'unica serie tv che guardo.La prima serie però aveva una marcia in più...

    RispondiElimina
  8. mi associo a Jay, adoro questa serie ma tra tutti spero solo che si salvi Daryl (amo Norman Reedus, da anni, per svariate ragioni) ;)

    RispondiElimina
  9. blackswan, io invece ho trovato la 2^stagione migliore della 1^ che mi è piaciuta solo a partire dalle puntate finali!

    Queen B anche io sono pro-Daryl, è il più cazzuto di tutti e il più utile al gruppo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mio parere su Ted

WOODY ALLENamento: 2. Il dittatore dello stato libero di Bananas

I Love Books: 146. La pietra di luna

People I Hate: 2. Barbara D'urso

I Love Books: 71. Sonata a Kreutzer

Serie tv Netflix: 2. The OA